Sharing
Business
Ideas
 

// Contact Us //

-> info@wine2wine.net <-

Save the date 18-19 Ottobre 2021
wine2wine
Agricoltura-di-precisione-significato-wine2wine2019

Agricoltura di precisione & friends: presentiamoli tutti

Con il decreto ministeriale del 22 dicembre 2017 sono state approvate in Italia le “Linee guida per lo sviluppo dell’Agricoltura di precisione”. Nonostante ciò, le aziende italiane che ne hanno adottato i principi e le tecnologie sono poche e gestiscono meno dell’1% della superficie agricola utilizzata nel nostro paese. In questo articolo facciamo chiarezza su questa nuova strategia gestionale e due delle sue diramazioni: lo smart farming e il digital farming.

Se è vero che il mondo ha bisogno di una seconda rivoluzione verde, l’agricoltura di precisione, lo smart farming e il digital farming sono i tre approcci all’agricoltura che permetteranno questa necessaria riforma. Questi termini, anche se spesso usati in modo intercambiabile, hanno delle leggere differenze di significato.

Agricoltura di precisione

L’agricoltura di precisione è una strategia gestionale. Il suo sviluppo viene imputato a due grandi tendenze: da una parte i big data e l’analisi avanzata dei dati, dall’altra la robotica, con le sue immagini aeree, i sensori e le sofisticate previsioni del tempo. Il punto focale di questo tipo di agricoltura è migliorare l’efficienza della produzione.

Spesso, il rendimento di un campo non è omogeneo. Ci sono zone in cui l’appezzamento è più produttivo, altre dove lo è meno. Le cause sono diverse, misurabili. Comprenderle e calcolarle per porvi rimedio è l’obiettivo principe dell’agricoltura di precisione.

Per esempio: un’azienda agricola che opera sotto un regime di agricoltura di precisione non applicherà mai lo stesso fertilizzante a tutte le sezioni dei suoi appezzamenti. Al contrario, analizzerà le composizioni del suolo e adatterà la strategia di fertilizzazione alle singole caratteristiche di ogni pezzo di terra.

Smart farming

Lo smart farming è l’applicazione di tecnologie informatiche per l’ottimizzazione di sistemi agricoli. Diversamente dall’agricoltura di precisione, il cui focus è la misurazione e risoluzione delle disomogeneità all’interno di uno stesso campo, questo approccio si concentra sulle modalità di accesso a i dati e sulla loro applicazione. In pratica, studia il miglior modo per raccogliere e utilizzare le informazioni. Secondo lo smart farming, un agricoltore dovrebbe sempre avere a portata di mano uno smartphone o un tablet, in modo da poter accedere in diretta ai dati sulle condizioni del suolo, delle piante, del clima, del tempo, delle risorse. Lo scopo di questa implementazione è di mettere l’agricoltore nelle condizioni di prendere decisioni informate, in tempo reale, sulla base di dati concreti.

Digital farming

Il digital farming è il passo complementare allo smart farming e la sua essenza sta nel dare valore ai dati raccolti. Questo approccio integra i concetti di agricoltura di precisione e smart farming e può essere definito come l’applicazione coerente di entrambi i metodi. L’agricoltura digitale prende le tecnologie dell’agricoltura di precisione e le raffina, combinandole con strumenti di data management. L’obiettivo di questo processo è usare tutte le informazioni disponibili per permettere l’automatizzazione di determinati processi applicati in agricoltura. Un’azienda agricola digitale deve usare delle macchine in grado di inviare e ricevere informazioni attraverso appositi sensori, facilitare le operazioni automatizzate e assistere l’uomo il più attentamente possibile.

In conclusione…

Per consentire l’incremento delle produzioni agricole e allo stesso tempo tutelare l’ambiente, nel prossimo futuro è necessario aumentare la sostenibilità del modello agricolo attraverso l’innovazione. L’impiego delle nuove tecnologie risulta in due benefici economici strettamente correlati tra loro: l’innalzamento della produttività e la riduzione dell’impatto ambientale di un sistema agricolo. L’esigenza di migliorare la produttività, la competitività e le prestazioni ambientali non riguarda solo l’ambito economico. Il numero delle persone che soffrono di malnutrizione cronica ha raggiunto gli 821 milioni (una persona su nove) nel 2017 ed è in crescita: l’ottimizzazione e il rafforzamento della produzione agricola devono diventare delle priorità per chiunque operi nel settore.

 

Vuoi saperne di più sull’argomento? Le nuove tecnologie applicate all’agricoltura saranno al centro di alcune delle sessioni di wine2wine 2019. 

 

Viale del Lavoro 8 – 37135 Verona VR

 

a product of

 

with the patronage of

wine2wine - Logo ITA Italian Trade Agency

 

© Veronafiere S.p.A. Viale del Lavoro 8 – 37135 Verona – Italia – C.F. e P. Iva 00233750231 –  Tel. +39 045 8298111 – Fax 045 8298288         Cookie | Privacy